Le mie confessioni; settima parte

In questi giorni sono stato poco presente, il motivo è semplice: Clara.

Sono andato a casa di Clara. È una casa ed anche uno studio dove lavora: un paio di stanze disordinatamente ordinate.
Fa delle sculture in creta e, dice, anche lavori in marmo e bronzo. Sinceramente non ho visto molte cose, pile di fogli, scarabocchi, schizzi, appunti e progetti ma poca roba “divertente”. In effetti credo che per lavorare i metalli servano crogioli e cose simili e in un appartamento mi sembra una cosa un po’ complicata.
Non ho capito se studia ancora, se frequenta un’accademia o un qualche corso specialistico, sta di fatto che dice che vuole usarmi per uno studio, nonostante il mio fisico non sia assolutamente tra i piú prestanti.
Ha un progetto in testa che però ancora non mi ha detto e chissà se mai mi dirà.
Per me non ci sono problemi, come dicevo già l’altra volta, devo molto a Clara e se posso farle un piacere per me è un piacere doppio, qualsiasi sia la cosa che deve farci.
Dimenticavo di dire, per i piú maliziosi e curiosi tra di voi, che abbiamo scopato quasi ininterrottamente. Forse mi sto innamorando.

Consapevole della precarietà della situazione, che credo si percepisca anche dal modo in cui ho scritto questa confessione, so che non potrei permettermi il lusso di innamorarmi seriamente, perché le cose cosí rapide secondo me bruciano molto rapidamente, molto piú di quanto si vorrebbe.
Quindi mi porto avanti ascoltando una canzone dei Mr. Bungle.

Pink Cigarette

Hush me, touch me
Perfume, the wind and the leaves
Hush me, touch me
The burns, the holes in the sheets
I’m hoping the smoke
Hides the shame I’ve got on my face
Cognac and broken glass
All these years I’ve been your ashtray
I found a pink cigarette
On the bed the day that you left
And how can I forget that your lips were there
Your kiss goes everywhere, touches everything but me
Hush me, touch me
Champagne, your hair in the breeze
Hush me, touch me
Lipstick, a slap on my cheek
Your eyes cried at last
Told me everything I was afraid to ask
Now I’m dressed in white
And you’ve burned me for the last time
I found a pink cigarette
On the bed the day that you left
And how can I forget that your lips were there
Your kiss goes everywhere, touches everything but me
You’ll find a note and you’ll see my silhouette…
There’s just 5 hours left until you find me dead
There’s just 4 hours left until you find me dead
There’s just 3 hours left until you find me dead
There’s just 2 hours left until you find me dead
There’s 1 more hour and then you will find me dead
There’s just…………………

Annunci

About ysingrinus

Mi sono accorto che non avevo scritto niente qui e cosí ho deciso di scrivere qualcosa.
Questa voce è stata pubblicata in Arte e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

88 Responses to Le mie confessioni; settima parte

  1. E’ lei che ti deve un favore, tu le hai offerto la verginità e le donne tengono molto a questa cosa (l’ho letto in un libro di Rubens, quindi declino ogni responsabilità sull’eventuale stupidità dell’affermazione)

    Mi piace

  2. tramedipensieri ha detto:

    Che artista a tutto “tondo” 😊 ……………

    Mi piace

  3. silviatico ha detto:

    Futuro modello?… bene bene…

    Mi piace

  4. enricogarrou ha detto:

    Ma allora grande gioia. Un abbraccio

    Mi piace

  5. Gemellone solare ha detto:

    Comunque vada, spero che la situazione si evolva nel modo che preferisci ;)

    Mi piace

  6. Bloom2489 ha detto:

    E se ti dice lei che si è innamorata? ahha

    Liked by 1 persona

  7. Gintoki ha detto:

    Dopo questa attività fisica sarai tutto studiato!

    Mi piace

  8. kalosf ha detto:

    Ma tutto ciò, con precisione, a chi sta accadendo?

    Mi piace

  9. Zeus ha detto:

    Bene, dal sesso occasionale al sesso settimanale. Artista a tutto tondo, sbronzo di Riace e modello part-time con contributi fissi e tutele crescenti.
    Sono soddisfatto di questa tua crescita moral-attitudinal-creativa.

    Mi piace

  10. Cose da V ha detto:

    Mi sembra di vedervi, stile Ghost col vaso di creta. Che bella la passione dei primi tempi… Ah, sono nostalgica!

    Mi piace

  11. viviennelanuit ha detto:

    I Mr Bungle sono perfetti, veloci e indolori ;)

    Mi piace

  12. Annika ha detto:

    Anvedi… o come si scrive. Classico racconto da film passionale d’artista. Fatti pagare la performance :P

    Mi piace

  13. Johira ha detto:

    Sembra uno di quei film in cui c’è quella fiamma sempre passionale, che all’inizio ti viene da dire “cazzo è sbagliato!”, dove tutto è sempre un casino assurdo, però poi tutto acquista un senso anche un po’ poetico e filosofico, e forse il sentimento è più radicato e genuino di quello che si mostra in apparenza.
    Grande!

    Mi piace

  14. Presa Blu ha detto:

    Bello leggerti Ysi in love! ❤️

    Mi piace

  15. fulvialuna1 ha detto:

    E ti credo che non hai visto molte cose…eri impegnato in altro….

    Mi piace

  16. domenicomortellaro ha detto:

    Ormai vai giù di bolina!

    Mi piace

Fhtagn

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...