Fuggi tempo, fuggi!

Nella camera dove dormo c’è un orologio appeso al muro fermo da almeno una settimana sulle 6:45. Non saprei dire se antimeridiane o postmeridiane, ma sicuramente sono le 6:45.
Le batterie sono scariche e difatti ancora segna, implacabile, le 6:45.
Eppure questa notte quest’orologio scarico ticchettava, mi sono svegliato sentendo il ticchettio continuo, preciso come un orologio, dell’orologio fermo.
Se mi concentro posso sentirlo anche adesso.
La conclusione cui sono giunto è che il tempo scorre anche se non lo vediamo. Ci si può affannare ad inseguirlo e a rincorrerlo ma i piú saggi possono capire che non c’è bisogno di fare tanto. Basta anticiparlo e farsi trovare dove andrà a finire il tempo: una volta che capisci come funziona comprendi che compierà sempre gli stessi passi e che non ne potrà mancare uno, cosí lo si può anticipare.
Immagino la faccia del tempo quando, trafelato, arriva a destinazione, si volta per vedere dove sono rimasto e, non vedendomi alle sue spalle, sorride compiaciuto e all’improvviso gli compaio da davanti e gli urlo «fuggi tempo, fuggi»!

Annunci

About ysingrinus

Mi sono accorto che non avevo scritto niente qui e cosí ho deciso di scrivere qualcosa.
Questa voce è stata pubblicata in Riflessioni e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

207 Responses to Fuggi tempo, fuggi!

  1. giomag59 ha detto:

    Questo pezzo ispira delle riflessioni molto profonde! Anticipare forse non è alla portata dei comuni mortali… accontentiamoci di un Carpe Diem!

    Liked by 1 persona

  2. alessialia ha detto:

    ma come sei riflessivo oggi! caspita però, come si fa addirittura ad essere inseguiti dal tempo…!!!!??????

    Mi piace

  3. Tati ha detto:

    Nella mia cucina pare siano le 12.37 da sei mesi… E alla fine, non correndogli dietro, il tempo pare stia rallentando… Sì lo si può cogliere di sorpresa anche senza corrergli dietro…

    Mi piace

  4. kalosf ha detto:

    Passaggio molto molto bello… L’Ysingrinus filosofo…

    Mi piace

  5. Zeus ha detto:

    Il mio orologio è fermo sulle (non mi ricordo) da circa 5 anni. Non l’ho mai cambiato.
    Anche perché, almeno una volta al giorno (in realtà due), è in perfetto orario. Da questo si può desumere che la perfezione è un momento fugace.

    Liked by 1 persona

  6. Giocare ad acchiapparella o nascondino col tempo? Mica male l’idea :)
    Ma a parte gli scherzi, è molto vero quello che dici, il tempo compie sempre gli stessi passi e affannarci significa non comprenderlo. Non è lui il nemico, siamo noi, spesso i nemici di noi stessi. E del nostro tempo. Il tempo che abbiamo non è “tanto” o “poco”, è soprattutto “nostro”. in poco tempo può esserci molta vita. Lo so, non è un’osservazione particolarmente originale (del resto non sono un faraone, io, tutt’al più una faraona, parente stretta di una gallina… :D), però vale la pena ogni tanto ricordarselo :)

    Mi piace

  7. Mastro Birraio ha detto:

    Ancora una volta Ysingrinus ti mostri somma divinità. Sono secoli che l’uomo cerca di comprendere il tempo arrivando pure a mettere in discussione la sua esistenza mentre tu sei riuscito addirittura ad immaginarne il volto. Che Maestosità!

    Liked by 1 persona

  8. jeniferfrommain ha detto:

    Una volta conoscevo una favola dove il protagonista non riusciva a dormire. C era questo ticchettio di un maledetto orologio che gli disturbava il sonno. Provò varie soluzioni incluso il fatto di rinchiudere l orologio nell armadio, ma niente, lo udiva sempre. Comunque per sfiga o per fortuna c era il suo cane fedele appostato sotto il suo letto che ogni tanto gli leccava la mano. Finché dopo 5 ore di smadonnamenti si recò in bagno un pò per fare i bisogni e un pò per lavarsi la mano ormai strasbavata dal suo amico a 4 zampe. Ma già dalla porta udì il ticchettio più vicino, maddai sbagliavo orologio? Accese la luce e………c era il suo cane sgozzato nella vasca, dal collo un enorme ferita dalla quale scorgeva sangue a volontá che come un fiumiciattolo scorreva lungo tutto il corpo arrivando alla punta della coda, si lanciava nel vuoto e quando toccava la vasca faceva: TIC TIC

    Mi piace

  9. sabato83 ha detto:

    Mmm…veramente molto interessante questa tua riflessione sul tempo!

    Mi piace

  10. avvocatolo ha detto:

    Occhio che se viaggi più veloce del tempo capace che finisci tra Garibaldi e Mazzini…ti ci vedo in effetti a uscire da piazza Carignano con le carte sotto il braccio e i nidi di rondine nella barba…

    Mi piace

  11. lamelasbacata ha detto:

    Io sono bastian contrario, quindi
    Ti auguro Tempo

    di Elli Michler 

    “Non ti auguro un dono qualsiasi,
    ti auguro soltanto quello che i più non hanno.
    ti auguro tempo, per divertirti e per ridere;
    se lo impiegherai bene, potrai ricavarne qualcosa.

    Ti auguro tempo, per il tuo fare e il tuo pensare, non
    solo per te stesso,ma anche per donarlo agli altri.
    ti auguro tempo, non per affrettarti a correre,
    ma tempo per essere contento.

    Ti auguro tempo, non soltanto per trascorrerlo,
    ti auguro tempo perché te ne resti:
    tempo per stupirti e tempo per fidarti
    e non soltanto per guardarlo sull’orologio.

    Ti auguro tempo per toccare le stelle
    e tempo per crescere, per maturare.

    Ti auguro tempo per sperare nuovamente e per amare.
    Non ha più senso rimandare.

    Ti auguro tempo per trovare te stesso,
    per vivere ogni tuo giorno , ogni tua ora come un dono.

    Ti auguro tempo anche per perdonare.

    Ti auguro di avere tempo,
    tempo per la vita”.

    Mi piace

  12. Pingback: … il tempo non ha tempismo ( e io men che meno)… | comelapolvere

  13. lamelasbacata ha detto:

    Avec grand plaisir! ;)

    Mi piace

  14. beebeep74 ha detto:

    molto bella la tua riflessione.

    il tempo: possiamo ignorarlo, ingannarlo, averne timore, amarlo, detestarlo, sorprenderlo, eluderlo, accarezzarlo, ecc ecc … ma in ogni caso lui scorrerà sempre ed inesorabile come un fiume che nasce da sorgenti remote fatte di ricordi verso il mare infiniti dei sogni.

    sapremo un tempo, navigarci sopra?

    Mi piace

  15. Non consentire al tempo di dettare legge, ma sferzalo come una grandezza plebea, quale è!

    Mi piace

  16. ivano f ha detto:

    Il tempo mi ha stufato, non lo capisco. Però da’ tempo al tuo orologio: adesso ticchetta ancora perchè la lancetta è stanca e non riesce a scavalcare il punto dov’è arrivata, ma quando le batterie finiranno vedrai che non ti disturberà più…

    Mi piace

  17. gigifaggella ha detto:

    Geniale metafora di un concetto relativo…il tempo non esiste eppure lo si sente. Come il tuo orologio fermo che continua a ticchettare. Secondo la mia teoria, le sue lancette viaggiano alla velocità della luce…ed è noto che a quella velocità il tempo si ferma…ma alla nostra velocità lo percepiamo ancora… può andare?

    Mi piace

  18. ehipenny ha detto:

    Quante belle e vere riflessioni per delle batterie da cambiare… :-P

    Mi piace

Fhtagn

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...