Mancando, o dei lunghi pensieri

In questi giorni sono mancato, se di mancanza si può parlare, piú del solito. Il motivo però è molto piú semplice e chiaro di quanto si possa temere. Non ho avuto problemi od infausti momenti, non ho avuto crisi o ripensamenti sul mio essere. No, niente di tutto questo!
Ho solo preso una decisione. Una decisione importante che mi ha aperto un bivio possibilistico, quello che io chiamo, difatti, «bivio possibilistico». Questo bivio, che per l’occasione potrei anche chiamare bivio o B.P. se venisse mai voglia di abbreviare il bivio1, è stato il motivo reale della mia prolungata, se di prolunghe si può parlare, assenza.
Certe decisioni vengono prese rapidamente, al volo: l’idea nasce in qualche modo nella nostra mente, o noi nasciamo in qualche modo nella mente dell’idea2, ma le conseguenze di queste decisioni possono richiedere piú tempo delle decisioni stesse, per quanto possano sembrare minori.


Ho deciso che cosa voglio fare da grande: l’attore delle ricostruzioni storiche dei filmati dei programmi della famiglia Angela34!
Il dubbio che per tanto tempo mi ha tenuto fermo è il seguente: *mi faccio crescere la barba per essere già pronto per un eventuale, quanto probabile ruolo barbuto, o è meglio se mi raso frequentemente per poter mettere una barba finta alla bisogna?


Disgraziatamente la risposta sicura non l’ho trovata, però ho deciso di applicare un principio di eguaglianza: un po’ mi faccio la barba, un po’ la faccio crescere. Cosí facendo sono abbastanza convinto di riuscire a sciogliere il gordiano nodo di alessandresca memoria!


  1. Per tanto tempo ho creduto che per abbreviare i bivi servisse il breviario o almeno il briviario. Poi mi hanno detto che i bivi del brevario sono di altro genere e che il briviario invece non esiste5
  2. Eventualità, quest’ultima, che ritengo piú probabile, non credendo nella mortalità delle idee, avvicinandole al concetto parmenideo dell’essere, le idee sono, non possono non essere, e di conseguenza non possono morire né tantomeno nascere. Le idee sono immutabili, ciò che muta è il nostro eraclitico divenire che ci fa cambiare idea, non modificarla però, perché impossibile. 
  3. La famiglia Angela opera nel ramo della conoscenza e del sapere da svariati decenni, con risultati sempre piú che accettabili. 
  4. Sempre finché non cambio idea6
  5. Credo proprio che qualcuno dovrebbe creare il briviario: un utile strumento per abbreviare i bivi, una scorciatoia semantica nonché culturale per non perdersi nella vita moderna. 
  6. Vedi nota 2 
Annunci

About ysingrinus

Mi sono accorto che non avevo scritto niente qui e cosí ho deciso di scrivere qualcosa.
Questa voce è stata pubblicata in Riflessioni e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

85 Responses to Mancando, o dei lunghi pensieri

  1. Non dimenticare mai la spocchia: tu non sai molto, sai tutto!
    La spocchia è la barba dell’anima di qualsiasi Angela.

    Inizia a esercitarti parlandoci di “L’alba di Cthulhu”, ormai l’avrai finito di leggere, da Nasale…

    Liked by 1 persona

  2. Gintoki ha detto:

    È un lavoro bellissimo!

    Io sarei per farti crescere la barba e poi tagliarla per creare una barba posticcia di vera barba, da indossare all`occasione, magari nel caso di una rievocazione frigio-macedone del taglio del nodo!

    Mi piace

  3. Zeus ha detto:

    A volte, nel cammin di nostra vita, ci si ritrova nel cul la punta di una matita.
    O che gioia, O che dolor… era una carosello 12 color.

    Mi piace

  4. ilsabatomattina ha detto:

    via la barba! si al posticcio all’occorrenza!

    Mi piace

  5. m3mango ha detto:

    Piufff! Ma potevi dirlo prima, mannaggia a te!

    Mi piace

  6. chezliza ha detto:

    Ah quindi il Segreto e’ la barba.
    Ok me la faro’ crescere!!!

    Mi piace

  7. nauseapatica ha detto:

    Barba, sempre e comunque barba.
    Con quella ti sei accaparrato tutto il Medioevo e le invasioni barbariche.
    Ah..se tu riuscissi ad introdurmi in qualche modo nel settore…anche come portaborse di Angela Jr. in giro per il mondo io ne sarei felicissima.

    Mi piace

  8. Cose da V ha detto:

    Che fatica leggere la prima nota! Comunque mi sembra una bella cosa, io in vita mia ho fatto l’attrice nel presepe vivente e nella via crucis del paese a nove anni, lo scriverò nel cv se in futuro mi verrà un’idea simile alla tua. Per la barba non so, mi rendo conto che è un dubbio che non fa dormire la notte.

    Mi piace

  9. kalosf ha detto:

    Scusa non ho capito, ma ti interessano gli Angela o Angela??? (i cui filmetti rimpiono you porn???)

    Mi piace

  10. colpoditacco ha detto:

    Io sono curiosa si sapere come si fa. Se c’è un ufficio di collocamento apposito, se uno manda il curriculum a qualche agenzia… insomma, come si fa in concreto…

    Mi piace

  11. rachelgazometro ha detto:

    Il tuo mi pare un progetto davvero interessante

    Mi piace

  12. Un articolo davvero completo, enciclopedico, un compendio dello scibile umano ma anche una riflessione sottilmente inquietante di cui l’umanità dovrebbe andare fiera, anziché perdere tempo nelle baggianate vergognose di cui è solita occuparsi.
    Potresti tranquillamente farti crescere la barba, per poi coprirla alla bisogna con una parrucca facciale sbarbata (un po’ come la finta pelata che i truccatori applicano agli attori con i capelli che devono interpretare ruoli pelati).

    Liked by 1 persona

  13. fulvialuna1 ha detto:

    Ce la fai…sei faraone :-)
    Bacio.

    Mi piace

  14. ivano f ha detto:

    Le idee esistevano anche prima della comparsa dell’uomo? Non mi convince….
    Hai scelto un bel lavoro, e il clan degli Angela sembra affidabile! :) Sulla barba ho visto che Gintoki ha già trovato la soluzione :)

    Mi piace

  15. Nyno ha detto:

    Tieniti la barba
    che
    poi
    fai
    come
    me
    non
    la toglie
    per pigrizia.
    Diceva qualcuno che
    la donna ripudia l’uomo con la barba
    ma
    siccome
    essendo
    brutta
    lo desidera ancora di più :)
    Sei un grande.

    Nyno.

    Mi piace

  16. Affy ha detto:

    Non importa stabilire se è l’idea a farsi strada nella mente o è la mente ad inseguire l’idea. La prolunga mette in contatto i due poli con la stessa capacità con la quale un bene soddisfa i bisogni.
    Se non deciderai di fare l’attore delle ricostruzioni storiche dei filmati dei programmi della famiglia Angela potrai sempre cimentarti nello scrivere il “briviario” un utile strumento per la diffusione di una cultura che non sia solo evento o spettacolo ma entusiasmo e partecipazione di una collettività spesso stanca della decadenza in cui versa il nostro Paese. A te l’arduo compito di riaccendere la speranza!

    Mi piace

Fhtagn

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...