Il ritornante ritorno

Dopo la settimana di pausa, per il blog, non per il resto, riprende la narrazione delle avventure nel Richiamo di Cthulhu. Ovviamente non mancano le novità!

È calato il sipario – Nuovi arrivi e nuovi problemi

Le nostre facce dicono tutto.

Abbiamo seguito i “quattro”, gli amici di Robert, sin dentro Villa Marsh. Due di loro sono morti, cercando di tornare sulla terraferma usando il portale nascosto all’interno della villa. Colui che non deve essere nominato non ha giustamente mostrato pietà. Questo crea sicuramente dei problemi ma ne risolve altri.
Peter, il capo della nostra cellula, nonché “gorilla” degli O’Bannion ha le idee molto chiare. Dobbiamo riuscire ad acquistare la fiducia dei due superstiti per trovare le gemme e riuscire a scappare da questo incubo. E venissero mangiati dai “pesci” tutti questi folli cultisti!!


Siamo riusciti a convincerli che siamo tutti nella stessa barca, o almeno vorremo andarci per sopravvivere. Ci siamo immersi nella botola con l’attrezzatura da palombaro e siamo scesi Dio solo sa quanto. Abbiamo esplorato fondali misteriosi e ancora piú misteriose grotte sottomarine completamente all’asciutto nonostante immerse nell’oceano! Abbiamo trovato le gemme e siamo riusciti a scappare da un essere mostruoso, impossibile da descrivere nella sua interezza: un miscuglio di tentacoli e zampe, un incrocio tra una crostaceo, un cefalopode e chissà quale altre creatura mitologica. Da quello che ho capito, quel mostro era solo una creatura al servizio del potente Cthulhu, a pensare dove possiamo essere finiti mi si gela il sangue nelle vene. Non può essere… le coordinate non coincidono… cos’è successo sott’acqua? Dove siamo passati? Vorrei cercare di capire qualcosa di piú ma non abbiamo il tempo a sufficienza per farlo. La strega, Claire O’Bannion, sta percorrendo la sua strada sicura e veloce come un treno, inarrestabile. Solo quando avrà bisogno di queste gemme potrà avere dei problemi. O potremmo averli noi se saremo ancora qui.


Peter dice che la vita di Robert è ancora in pericolo, fra qualche giorno lo sacrificheranno ancora e un altro di questi obelischi assurdi verrà fuori dalle acque: quando tutti e cinque svetteranno sull’oceano allora potranno richiamare il Grande Sacerdote.
Follia! Combattere un mostro come il Re Giallo con il sommo Cthulhu!! Cosa potrà mai rimanere di noi? Sono dei pazzi, dei pazzi maledetti e noi dobbiamo fermarli o nasconderci il piú rapidamente possibile!
Dobbiamo nascondere le gemme, cercare di capire se il lavoro del defunto Avebury è valido e in caso non lo sia come comportarci e cercare di scappare in qualche modo dall’isola. La baia di Monterey dovrebbe essere solo a tre ore di navigazione da qui. Con la giusta preparazione potremmo farcela, anche a costo di liberare l’Antico!

Farneticante frammento.


Disastro! Disastro terribile! Dopo aver cercato informazioni sugli studi del professore morto, del collega del professor Cale, abbiamo cercato di parlare col “tatuatore”: il mago, è la parola giusta?, tenuto prigioniero, colui che è costretto a vergare simboli arcani di protezione, o chissà cosa, sugli oggetti e le carni delle persone, secondo il volere della strega. Lui doveva sicuramente sapere qualcosa di piú su tutta questa storia di rituali magici e paradossi temporali. Purtroppo, però, Lenny si è fatto ammaliare dallo stregone, venendo cosí costretto ad ucciderlo. Ho provato a bloccarlo, ingannando persino Oscar Marsh, ma non è stato sufficiente. Il mostro non ha voluto sentir ragioni e ha letteralmente fatto avvizzire sotto i nostri occhi il tatuatore, successivamente maledicendo o qualcosa del genere, il mio collega.
Spero che a Peter o agli altri due sia andata meglio.


Di Peter ancora nessuna traccia, dobbiamo trovarlo, magari durante la festa, e forse parlare anche con la maledetta strega per raccontarle la nostra versione dei fatti, potremmo ancora avere delle possibilità…
Rose e Robert, intanto sono andati nel museo cittadino, ma hanno raccontato delle cose strane su cassapanche e teste parlanti, mi sembra che stia diventando tutto piú assurdo. Ogni istante che passa la follia aumenta, ma non come quella che c’è nel resto della Terra, è di un altro tipo questo, credo sia l’influsso della megera e dei suoi odiosi rituali.
Se solo fosse possibile creare l’anomalia temporale di cui parlavano Avebury e Cale, riportare indietro il tempo e annullare tutto ciò che ci ha portato a questo punto…


Commento

Ieri giocata molto soddisfacente, in cui tutti noi abbiamo giocato bene, mantenendo i nostri ruoli e non cercando mai di forzare la mano piú di quanto non farebbe un abitante di un’isola pazzesca controllata da umani ittioformi1 e malefiche streghe, che vogliono risvegliare Cthulhu per combattere Hastur distruggendo la quasi totalità del mondo.
Il nostro primo obiettivo è sopravvivere il piú a lungo possibile e, mentre cerchiamo di farlo, scappare o bloccare i folli cultisti.
Abbiamo di fronte a noi diversi finali per quanto siamo riusciti a capire:

  • Hastur arriva a fare il culo anche a noi e finisce tutto;
  • Cthulhu si sveglia e prende a tentacolate nel grugno Hastur e finisce tutto ma forse un po’ meno peggio;
  • Blocchiamo il rituale e in qualche modo blocchiamo Hastur2;
    — Riusciamo a tornare indietro nel tempo, prima che Hastur riesca a prendere il controllo del pianeta.

Per fare questo abbiamo diverse strade e strategie, che vanno dall’uso della forza bruta endogena (leggasi ESPLOSIVI DIO CAZZO ESPLOSIVI SÍ LA VOGLIO FAR SALTARE IN ARIA TUTTA STA MERDA DI CAZZO DI ISOLA DEL CAZZO DI MERDA!), a quella esogena, tipo liberare l’Antico (magari sempre con un bella dose di ESPLOSIVI CAZZO SÍ FACCIO SALTARE TUTTO!! OGNI CAZZO DI FOTTUTO CULTISTA DI MERDA CHE TIENE PRIGIONIERO IL CILINDRONE CHE POI CI PENSA LUI E AHAHAH PEZZI DI MERDA CHI CAZZO RIDE ORA EH?), al fine e raffinato sotterfugio (magari coadiuvato con un po’ di sani ESPLOSIVI PEZZI MERDA VI INFILO IL TRITOLO NEL CULO DEL VOSTRO RISTORANTE DI CANNIBALI DI MERDA E POI SCAPPO CON LE VOSTRE CAZZO DI FOTTUTE BARCHE DI MERDA GETTANDO BOMBE DI PROFONDITÀ PER UCCIDERE TUTTI GLI ABITATORI DEL PROFONDO DEL CAZZO CON LE LORO BRANCHIE DI MERDA E GLI OCCHI A STRONZI!). Insomma, queste sono solo alcune delle possibilità che stiamo vagliando, possibilità che ovviamente fondono come neve al sole se come ieri i dadi decidono di abusare dei nostri corpi e delle nostre anime come hanno fatto nonostante le nostre decisioni corrette.
Vedremo, vedremo quindi come andrà a finire.
E come dicono gli abitatori del profondo: «chi vivrà glub glub!»


Nota di servizio per quanto riguarda WordPress e le scelte scellerate sull’editor, una sola parola: porcoddio.


  1. O pesci antropomorfi. 
  2. Seh, lallero. 

About ysingrinus

Mi sono accorto che non avevo scritto niente qui e cosí ho deciso di scrivere qualcosa.
Questa voce è stata pubblicata in Giochi da Tavolo e Giochi di Ruolo e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Fhtagn

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.