L’odore dei colori ha l’odore dei fiori?

Si ritorna, dopo il meritato ozio meritato, a oziare meritatamente oziando nella maniera piú nobile che ci sia. Creando arte. La mia arte!
Arte che, essendo io l’umile genio speciale per definizione, è ovviamente superiore a quella di chiunque altro1. Quindi il mio ozio vale molto e ciò che creo lo dimostra2. Credo che per il bene dell’umanità intera, per lo sviluppo e progresso della nostra società, nonché di quelle future3 e di quelle aliene!


Un vaso non vaso di fiori non fiori, tratto da una foto vera.

Un semplice esercizio ysipittorico con i miei fidi e fidati acquerelli, quelli che non ho mai imparato ad usare.
Aggiungo inoltre che la foto da cui ho preso spunto, un brutto cestino di fiori finti appesi in casa, mi ha fatto capire che sono completamente incapace di copiare: se devo fare un paesaggio distante forse, dico forse, qualcosa posso fare, ma se devo fare una cosa piú dettagliata, allora posso solo usare uno spunto per poi fare altro4.
Come in questo caso.


Tavolozza bonus!!

Questa la metto perché mi piace e perché mi ricorda perché mi piacciono tanto gli acquerelli5, gli effetti speciali che lasciano ovunque ne hanno modo, sono bellissimi. E poi mi fanno vedere che il caso dipinge meglio di me. C’è qualcosa di poetico in questo, qualcosa che posso appena sfiorare ma che difficilmente potrò mai afferrare e fare mio. Tipico della poesia e dell’arte. Quel qualcosa che ti circonda, ti sorregge, ti guida e ti fa vivere, ma che non potrai mai controllare davvero, perché mai potrai controllare i sentimenti.
Gli acquerelli sono sentimenti. Sentimenti che si spandono seguendo percorsi che potrai ipotizzare, canalizzare anche, ma che riusciranno sempre a stupirti, a regalarti sempre un effetto a cui mai ti potrai abituare.
Imprevedibili e bellissimi.


Dimenticavo:
Acquerello su cartoncino, 17,5×18,3cm circa.


  1. Ovviamente. 
  2. Vorrei poter parlare di tautologia ma un giorno un coglione non ha capito che stessi scherzando e venne a spaccarmi il cazzo perché usavo questo termine, pensando che lo usassi a sproposito. Poi si è scoperto che era lui che usava a sproposito la corrente elettrica e la connessione internet perché era un coglione. Ma non vorrei cadere nella tautologia cosí facendo! 
  3. Ovviamente scherzo6. Il futuro non esiste7
  4. Per fortuna! 
  5. Che vi ricordo non so usare. 
  6. Ovviamente8
  7. Cfr. innumerevoli altri miei articoli e commenti in cui spiego male perché il futuro non possa esistere. 
  8. Ovviamente. 

About ysingrinus

Mi sono accorto che non avevo scritto niente qui e cosí ho deciso di scrivere qualcosa.
Questa voce è stata pubblicata in Arte e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

58 Responses to L’odore dei colori ha l’odore dei fiori?

  1. virtuos@mente ha detto:

    Che bella considerazione finale. ☺️

    "Mi piace"

  2. endorsum ha detto:

    Ok, qualcuno lo deve fare: è brutto.

    "Mi piace"

  3. Conte Gracula ha detto:

    È tratto da una storia vera o da una storia vera non vera? Ci sono molte negazioni ed essendo fondamentalmente ottimista, la cosa mi confonde un po’.

    "Mi piace"

Fhtagn

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.