Le prime scoperte

Il viaggio nella Valle del Miskatonic prosegue con determinazione, nonostante l’orrore sia una costante sempre piú presente!


Blackwater Creek – Dell’accampamento e altri orrori

Aumentano le maschere, aumenta il terrore!

Il gruppo di Investigatori inviati dalla S.E.U. raggiunge l’ultimo accampamento dello scomparso Professor Henry Roades e di sua moglie. Un’innaturale vegetazione sembra ricoprire ogni cosa, il silenzio assoluto della campagna è interrotto solo dal motore del furgoncino usato per raggiungere il luogo. Le tende sono state buttate all’aria, il camion della spedizione ha preso fuoco e, fatto ancora piú inquietante, ci sono tracce di sangue in giro, probabilmente del professore.

Ma le ricerche continuano! Anzi, continuano con rinnovata foga, se è successo qualcosa al professore bisogna scoprirlo il piú presto possibile.
Per questo il gruppetto di amici si fa una bella scampagnata sino al ruscello poco distante: un luogo ameno ricco di vegetazione impossibile, senza alcun suono se non lo scrosciare dell’acqua nerastra e densa dai riflessi multicolore nella quale galleggiano delle oscene macchioline bianche, le stesse macchioline che avevano già visto in paese forse? In ogni caso, tra queste macchioline, vedono una specie di incrocio tra un polpo, una medusa o una sogliola. Questo incrocio si rivela essere una creatura ostile che attacca i villeggianti con sommo raccapriccio dell’allegra combriccola. Per fortuna, nonostante il tono leggero degli investigatori, quando c’è da menare le mani nessuno si tira indietro e quell’ammasso informe smette di essere una minaccia per chiunque!

È accaduta esattamente questa cosa. Solo di giorno.

Per scrollarsi di dosso questa brutta faccenda, i turisti del mistero si avvicinano al tetro bosco terrificante poco distante da lí, con la scusa di voler prendere un po’ di legna per bruciare il resto della mostruosa creatura appena uccisa. Questa non si rivela un’ottima idea perché, annunciato da inquietanti crepitii un albero inizia a muoversi e avvinghia ramo attorno al malcapitato di turno!

Non mi portare nel bosco di sera…

Gli alberi non sono quello che sembrano. Qualcosa di terrificante è accaduto in questo bosco. Qualcosa che sconvolgerà per sempre la mente degli investigatori… quegli alberi non erano piú vegetali, ma qualcosa a metà tra il regno animale e altro…
Superata quest’ultima prova, non resta che andare all’origine di tutto questo, verso la grotta misteriosa da cui nasce il ruscello. Finalmente si potrà fare luce su tutto e affrontare l’orrore finale!


Osservazioni di rito

Ieri sera c’è stata un’inaspettata impennata: i giocatori hanno deciso di bruciare le tappe e di infilare il naso ovunque. Purtroppo ogni azione nel Richiamo di Cthulhu ha i suoi rischi. Cosí si passa da essere attaccati da un maiale incazzato a combattere contro un Cucciolo Oscuro Embrionale di Shub-Niggurath!

I tiri dei dadi decidono l’andamento della storia: alcuni fallimenti hanno preservato la SANITÀ dei personaggi ma il rovescio della medaglia è stato il dover affrontare mostri orrendi e pericolosi, con il rischio di morte per tutto il gruppo.

About ysingrinus

Mi sono accorto che non avevo scritto niente qui e cosí ho deciso di scrivere qualcosa.
Questa voce è stata pubblicata in Giochi da Tavolo e Giochi di Ruolo e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

12 Responses to Le prime scoperte

  1. Conte Gracula ha detto:

    Devo ancora leggere, ma ti anticipo che se un giorno giocheremo insieme online, indosserò una maschera e dirò che non porto alcuna maschera (cit.)
    Magari vestirò pure di giallo, con abiti logori (ri-cit.)

    Piace a 2 people

  2. Conte Gracula ha detto:

    I dadi a doppio taglio di Cthulhu: se capisci, diventi instabile e se non capisci, non sai cosa stai per affrontare!

    "Mi piace"

  3. gianni ha detto:

    Sapevo che sareste arrivati a tanto! Bravi

    "Mi piace"

Fhtagn

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.