Garibaldi assonnato

Sulle vette dell’Aspromonte Beppe addenta pigramente una mela. Ha deciso di fare anche lui i turni di guardia ma la notte è davvero lunga e gli occhi molto stanchi.
Che poi chi glielo ha fatto fare si chiede, il pensiero vola, verso la sua gioventú, ora non ha piú l’eta, anche se continua a sostenere il contrario, piú per mero orgoglio per altro.
Qualche anno fa era ancora forte e scattante, la mente era allineata al corpo, ora invece il corpo e la mente sono peggiorati, ma il corpo di piú. E lui ha sonno, oh se ha sonno. Non ha quasi piú la forza di montare a cavallo, figurarci fare i turni di guardia, si appoggia alla canna del fucile, per un attimo sogna di far partire un colpo mentre è appoggiato e finalmente dormire, poi una civetta lo distrae. Uccelli particolari i rapaci notturni, li ha sempre trovati affascinanti anche se molto distanti da lui per ovvi motivi, non ha piume o penne né tantomeno il becco adunco. Forse da giovane gli dicevano che aveva lo sguardo da rapace ma lui non ci ha mai creduto davvero, secondo lui volevano solo blandirlo.
Comunque la mezzanotte è passata da circa due ore e ne ha almeno altrettante davanti a lui, e lí sull’Aspromonte non succede mai niente, in effetti perché diavolo si sono accampati lassú, quando potevano scorrazzare nelle pianure del centro Italia, combattendo tra le esplosioni e gli spari, ah essere un eroe, ecco a cosa si sentiva destinato.
Invece era costretto a fare quel noiosissimo turno di guardia, con quelle bestie antropomorfe che mimavano la civilità con quelle camicie rosse e sbrindellate, prima o poi faranno quadri che racconteranno le loro imprese, ma dovranno migliorare di molto la realtà, perché quei pecorari briganti puttanieri mal si sposano con l’eroismo. Ma quanto tempo è passato da quando ha dato il morso alla prima mela, non lo può dire, ormai i minuti si mescolano tra loro come i pensieri cui non riesce a stare dietro, forse se si addormenta nessuno se ne potrà accorgere, forse sta già dormendo e nessuno se ne è accorto, furbologo lui, nessuno sa e nessuno può sapere, quindi dorme e al diavolo la guardia, l’Aspromonte, l’Italia.

Giuseppe Garibaldi si addormenta mentre una palla di cannone sorvola la sua posizione colpendo il campo base, ma ormai dorme cosí bene, è un peccato svegliarlo.

About ysingrinus

Mi sono accorto che non avevo scritto niente qui e cosí ho deciso di scrivere qualcosa.
Questa voce è stata pubblicata in Arte e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

14 Responses to Garibaldi assonnato

  1. giomag59 ha detto:

    Non sapevo che con i garibaldini ci fosse pure Garibaldi!

    Piace a 2 people

Fhtagn

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.