Diario di uno stitico

Giorno 117 senza cacare

Un’altra notte è passata, poi un’altra mattina ed infine un altro pomeriggio. Eccomi qui, pronto ad affrontare questa nuova notte. Non so come potrò continuare in questa maniera, ormai direi che ho perso il vizio di cacare, come se fosse una cosa che non mi serve piú.
Questo è assurdo, chi mai è stato 117 giorni senza cacare? Rimanendo vivo dico. Eppure eccomi qui, da uno specialista all’altro, un mistero per la scienza e per la vita stessa. Sarei dovuto morire molto tempo fa, invece l’addome sembra non mi si gonfi, ho un po’ di doloretti di tanto in tanto, ma niente che possa inficiare la mia normale attività, eppure non sto bene. Non posso stare bene.
Non mi sento bene infatti, però non posso neanche dire che mi sento male. Evacuare non è piú nei miei pensieri, probabilmente se smettessi di scrivere questo diario mi dimenticherei di tutto. O forse morirei; come diceva quel dottore? «Scriva! Scriva! Vedrà come arriverà a cacare intero».

About ysingrinus

Mi sono accorto che non avevo scritto niente qui e cosí ho deciso di scrivere qualcosa.
Questa voce è stata pubblicata in Arte e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

48 Responses to Diario di uno stitico

  1. Gintoki ha detto:

    Scriva! Scriva!

    "Mi piace"

  2. mollymelone17 ha detto:

    Evidentemente lei è un raro caso di riciclo creativo delle scorie. Ciò che non espelle si trasforma in genialità, manifesta, ovviamente, in ciò che scrive

    Piace a 2 people

  3. Sara Provasi ha detto:

    Come si chiama il dottore? *__* Ho bisogno di lui nei miei contatti! :D

    "Mi piace"

  4. Judith ha detto:

    I gas intestinali son fantasmi di ciò che mangiamo che fluttuano nel corpo, risalgono fino al cervello e fanno venire idee dimmè (che a volte son così dimmè da essere geniali!) La costipazione non dovrebbe essere curata!

    "Mi piace"

  5. assistente42 ha detto:

    Cacare è un luogo dell’anima innanzi che una necessità dei nostri visceri. Vana è l’esistenza dell’uomo cui è impedito di cacare.

    "Mi piace"

  6. assistente42 ha detto:

    Sul frontone del teatro Massimo di Palermo troneggia la seguente incisione:

    “Cacare rivela i popoli e ne rinnova lo spirito;
    Vano il diletto della merda ove non miri a preparare l’avvenire”

    "Mi piace"

Fhtagn

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.