Esistenze coerenti e dubbi

Scrivo ora una cosa che forse ho già scritto e che qualcuno ha sicuramente scritto prima e meglio di me.
Sono solo dei dubbi notturni, credo da non prendere troppo sul serio1.
Il tema in questione è l’esistenza.
Come possiamo dire che esistiamo e come possiamo dire che siamo ciò che siamo?
Esistiamo in assoluto, e proprio nel modo in cui esistiamo ora, oppure solo in relazione a ciò che ci circonda?
Come posso dirmi simpatico o antipatico oppure bello o brutto, per esempio, senza un ritorno esterno che mi faccia capire come sono realmente?
Quanto sono io, quanto sono io per gli altri e quanto sono io per gli altri secondo me?
Posso dire come sono stato in passato, analizzando la mia storia personale, ma non per questo posso dire come sono adesso o come sarò in futuro.
Ha senso porsi, e porre queste domande?
Le risposte saranno falsate da noi prima che da chi ci osserva?
Piú banalmente, cos’è la realtà?


  1. Fra un giorno, un’ora, una settimana, potrei non avere piú alcun dubbio, dopotutto. 
Annunci

About ysingrinus

Mi sono accorto che non avevo scritto niente qui e cosí ho deciso di scrivere qualcosa.
Questa voce è stata pubblicata in Riflessioni e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

87 Responses to Esistenze coerenti e dubbi

  1. gianni ha detto:

    Domande più facili? ;)

    Mi piace

  2. Conte Gracula ha detto:

    Non mi pongo mai domande del genere, tanto – quale che sia la risposta – continuo a esserci, a dover fare certe cose, a volerne fare altre, a rimpiangerne altre ancora e a schifarne un altro tot.
    Se sarò fortunato, farò tutto molto a lungo, in buona salute e in ottima compagnia :P

    Mi piace

  3. Liza ha detto:

    Io sono solo la proiezione astrale del mio IO digitale.
    (Cit.)
    Che non so’ bene che cazzo voglia dire ma mi piace un sacco. 😆

    Liked by 1 persona

  4. PindaricaMente ha detto:

    Non so cosa risponderti, perché qualsiasi cosa direi oggi, domani o fra un paio d’ore non lo penserei più.
    Una cosa però la so, quando si parla di esistenza non se ne esce vivi! 😂
    (Ma perché non fai domande più facili, cazzo?! 🙄😊)

    Mi piace

  5. terminaleuomo ha detto:

    conclusione: non ci sono risposte, tranne delle troppo vacue definizioni scientifiche che si basano sui dati empirici. quindi, invece di fantasticare su argomenti che non competono la nostra realtà oggettiva forse dovremmo tutti chiederci; Perché esistiamo? oppure…qual è il senso della vita?

    Mi piace

  6. le hérisson ha detto:

    Starai mica leggendo Pessoa… ?!

    Mi piace

  7. Firstime In Boston ha detto:

    Cartesio ti fa una sega!

    Mi piace

  8. Di solito evito affermazioni univoche, non mi ci ritrovo. Ma in questo caso farò eccezione e non solo ammettetò la verita, io la dirò: la realtà è 340 grammi di prosciutto cotto, in una busta postale senza mittente. Ora che si sa, si sappia.

    Liked by 2 people

  9. h_mbre ha detto:

    in questo istante sono qualcuno di cui non so, non ho saputo e non saprò mai nulla che cerca di darti una risposta probabilmente inutile.

    ed proprio questa inutilità, però, a guardar bene, che mi sembra la cosa più reale che abbia avuto tra le mani.

    amen

    Mi piace

  10. Gintoki ha detto:

    Io dico sempre che non sono. Sono apologeta del non essere.

    Scusi, è lei che si occupa di…?
    No, non sono io.

    Scusi, ha lasciato lei l’auto…?
    No, non sono io.

    Scusi, è lei che ha dimenticato di tirare lo scarico?
    No, non sono io.

    Mi piace

  11. Tati ha detto:

    Essendo dubbi notturni vuol dire che non hai fatto la conta di tutte le crepe e le sfumature di colore sul soffitto…. chi le farà allora!?

    Mi piace

    • ysingrinus ha detto:

      Ho fatto anche quelle. Sono dubbi che ho condiviso e continuo a condividere, però, con chi vuole parlarne! :)

      Mi piace

      • Tati ha detto:

        Fiu… sia mai lasciare le crepe senza una conta.
        L’idea di chi siamo credo sia legata al concetto di tempo, inesistente se non nella nostra mania di incasellare tutto :)

        Mi piace

        • ysingrinus ha detto:

          Dimmi di piú su questo tuo sistema basato sul tempo.

          Mi piace

          • Tati ha detto:

            “sistema” mi pare una parola grossa.. :)
            solo inizio a pensare che per comodità cerchiamo di scandire il passaggio del tempo ma in realtà è tutto uno scorrere e questo comporta inevitabilmente il nostro cambiare in maniera piuttosto repentina, fosse anche solo per la morte delle nostre cellule. Io, per esempio, mangiandomi le unghie, cambio in continuazione… sono andata fuori tema?

            Mi piace

            • ysingrinus ha detto:

              Quindi in un ipotetico blocco del tempo tu smetteresti di essere?

              Mi piace

              • Tati ha detto:

                Eccacchio, questa è tosta!
                Credo che il cambiare sia insito nella natura dell’essere umano, immerso in un tempo che scorre e circondato da altri elementi che naturalmente lo influenzano. Se tutto dovesse fermarsi, forse sì, cesserebbe di esistere questa predisposizione al cambiamento e sarebbe tutto differente, magari un altro modo di essere

                Mi piace

                • ysingrinus ha detto:

                  Scusami, forse non ho capito. Continueresti ad esistere ma saresti per forza di cose diversa oppure non esisteresti proprio piú?

                  Mi piace

                  • Tati ha detto:

                    Per essere sicuri bisognerebbe bloccare il tempo e vedere. Senza lo scorrere del tempo però mi immagino come un sasso, esiste ma è un sasso non una persona ( e qua si può aprire un dibattito su quante persone possano sembrare dei sassi senza bisogno di fermare il tempo ma non è questo il luogo e il momento) :)

                    Mi piace

                    • ysingrinus ha detto:

                      Quindi il tempo non influisce sull’esistenza in sé per sé ma sulla qualità di questa.

                      Mi piace

                    • Tati ha detto:

                      In realtà questo potrebbe prendere la piega del quesito ” è nato prima l’uovo o la gallina?” senza il tempo non c’è modificazione, quindi nascita e tutto il resto….AAAAAAHHHHHH… adesso muoio! STUMP!

                      Mi piace

                    • ysingrinus ha detto:

                      Quindi il tempo deve esserci stato almeno una volta. Ma poniamo il caso che il tempo ci sia. E sia quantificabile. Poi in qualsiasi momento il tempo non ci sia piú, o non sia piú quantificabile. Vale ancora la storia dell’uovo e della gallina?

                      Mi piace

                    • Tati ha detto:

                      Mmmmmm… vale nella misura in cui o rimane la gallina che non farà l’uovo o ci sarà l’uovo che non diventerà gallina, in quel caso la risposta alla domanda cambia in base a quando il tempo si fermerà

                      Mi piace

                    • ysingrinus ha detto:

                      Non importa il quando. Importa che non ci sarà l’evoluzione. O non sarà percettibile.
                      Senza evoluzione continuiamo ad essere o siamo solo un’idea della nostra esistenza?

                      Mi piace

                    • Tati ha detto:

                      Se il tempo si fermasse improvvisamente credo che tutto non sarebbe altro che un’immensa fotografia e le fotografie sono solamente un’idea ( una sola delle infinitamente possibili della stessa cosa/persona/animale/paesaggio). Quindi sì, credo che senza lo scorrere del tempo terminerebbe l’esistenza, lasciando solo un mucchietto di idee, peraltro inutilizzabili.

                      Mi piace

                    • ysingrinus ha detto:

                      Perfetto. Grazie per avermi dato il tuo punto di vista. :)

                      Mi piace

                    • Tati ha detto:

                      Grazie a te per lo spunto. :)

                      Liked by 1 persona

  12. Nyno ha detto:

    Sono domande che
    ci poniamo tutti.
    La gente ci modella secondo alle sue esigenze.
    Io personalmente
    mi reputo
    ironico
    rompi
    palle.
    Come al solito tornare qui.
    Mi permette di leggere
    qualcosa che
    la realtà visiva di tutti i giorni
    non riesce a
    colmare.

    Ti abbraccio.

    Mi piace

Fhtagn

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...