La risposta del professore

Su consiglio del minimalista ho preso il coraggio a due mani ed ho contattato il professore Rubens. L’esimio è stato fin troppo gentile ed accondiscendente con me, prendendo realmente a cuore il problema dell’amico nell’articolo precedente.

Preg.ssimo Ysingrinus, non mi sembra di conoscerLa, ma da un veloce esame del Suo blog non mi pare che Lei tenga alcun corso di laurea in Italia o all’estero, perciò ti darò del tu come faccio con il mio facchino Ezio. Mi chiedo chi possa averti fornito il mio recapito postale, ma a questo punto il danno è fatto e, poiché la seduta di insegnamento corporeo penetrativo con le dottorande è stata brutalmente interrotta, non vedo perché non risponderti. Come dovresti sapere, infatti, sono anche Dottore Psicologo e tengo diversi master in Psicanalisi e Teatroterapia dell’Eros.
Dunque, il signore che ti ha scritto mi sembra sostanzialmente sprovveduto, forsanche un neofita dell’Eros o un vergine funzionale. Come primo consiglio generale gli direi di fare la terapia ormonale, i seni sono una gran fonte di ispirazione e portarli sul torace infonderebbe al tuo amico un maggiore senso di autonomia e fiducia in se stesso. In seconda battuta gli consiglierei di procedere in ogni caso con l’approccio sessuale verso la fanciulla, non potendosi escludere un già sussistente legame affettivo unilaterale da parte di ella. Negarle oltre al legame affettivo anche l’atto coitalis, a mio modesto avviso, rischierebbe di farla sentire doppiamente rifiutata con conseguenze devastanti sull’equilibrio dei 6 umori femminei. Vorrai scusarmi ora, ma nel mio studio è arrivata Lilli Gruber a cui tengo lezioni private di teosophia carnalis.

Cordialità Rubens

Non nascondo, scusandomi col Professore per l’ardire, il desiderio di seguire questa rubrica parallelamente con Lui. Non tanto per la mera soddisfazione personale mista ad orgoglio che, ovviamente è innegabile, proprio però, per il benessere dei miei lettori che non potrebbero che giovarne degli illustri pareri del luminare. Con il pregio di non risultare invadenti o fastidiosi1.


  1. Non piú di quanto già non siano, mi pare chiaro. 
Annunci

About ysingrinus

Mi sono accorto che non avevo scritto niente qui e cosí ho deciso di scrivere qualcosa.
Questa voce è stata pubblicata in Attualità, Riflessioni e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

12 Responses to La risposta del professore

  1. Sei un mago, un evocatore. Sei riuscito a coinvolgere il Prof. Rubens! Stento a crederlo. Ammirazione totale per entrambi, se non fossi un genio a mia volta diventerei un vostro fan.
    Se posso dire la mia, l’anonimo scrivente potrebbe innamorarsi a sua volta e così il cerchio si chiuderebbe senza dolori per nessuno. Basterebbe azzeccare il giusto cocktail di psicofarmaci e psicotropi ed il gioco è fatto! Ma non oso addentrarmi oltre nella materia degli esperti ospiti.

    Mi piace

    • ysingrinus ha detto:

      Come sottolinea l’Esimio, però, le tette sono fondamentali, non dimentichiamole. Per entrambi.
      Mi sono accorto della mia scarsa lungimiranza leggendo la sua risposta. Devo cercare di correggere il tiro ed andare piú a fondo nelle faccende.
      Lieto di avere la tua approvazione, per me importante quasi quanto quella del Rubens istesso.

      Mi piace

  2. Conte Gracula ha detto:

    Un uomo schietto, questo prof.

    Mi piace

  3. Gintoki ha detto:

    Questi sono i luminari che apprezzo, concisi, diretti e che forniscono risposte. Possono dire lo stesso tutti gli scienziatei che sono in giro? Giammai.

    Mi piace

  4. gianni ha detto:

    Che il divanetto in pelle del Professorie sia lieve ai pazienti!

    Mi piace

Fhtagn

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...