Problemi al risveglio

L’altro giorno parlavo con un amico.
È un amico che chi mi conosce dal vero difficilmente sa che esiste.
È un amico che chi mi conosce dal finto difficilmente sa che esite.
È un amico che non tutti sanno che c’è. E però c’è.
L’altro giorno parlavo con un amico.
Parlavamo dei problemi che possono venire al risveglio.


Uno si sveglia e non ha piú il telefono, poi lo ritrova.
Ma non è piú il suo.
Ha un nuovo numero, un nuovo nome, un nuovo volto.
Si è messo a dormire ed al risveglio lui non era piú lui.
Neanche il suo telefono era piú il suo.


Oggi pomeriggio mi sono svegliato e non sapevo se era domani o l’altro ieri.
La mano al telefono. Per fortuna era il mio.
La mano no.

Annunci

About ysingrinus

Mi sono accorto che non avevo scritto niente qui e cosí ho deciso di scrivere qualcosa.
Questa voce è stata pubblicata in Riflessioni e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

73 Responses to Problemi al risveglio

  1. Daniela ha detto:

    acc… la mano degli Addams :-D

    Mi piace

  2. Paolo ha detto:

    Sorrido… Certo che – rifletto – ‘sto telefono è diventato quasi un’estensione del nostro corpo… E la cosa non mi piace un gran che, a dirla tutta.

    Mi piace

  3. silviatico ha detto:

    La mano di Maradona?…

    Mi piace

  4. Liza ha detto:

    Mi piace..inquietante
    mano estranea al corpo
    mi ricorda un firmi de paura

    Mi piace

  5. Affy ha detto:

    Parla sempre con il tuo amico perchè solo lui potrà capire!
    Potrebbe consigliarti di non addormentarti nel pomeriggio.
    Potrebbe consolarti per avere ancora il telefono.
    Potrebbe ricordarti che giorno è oggi.
    Potrebbe confermarti che tu sei ancora tu.
    Potrebbe darti una mano! :-)

    Mi piace

  6. Zeus ha detto:

    La mano fantasma… bravo bravo… ma prima te la sei messa sotto il corpo per farle perdere sensibilità!? ehehe

    Mi piace

  7. tiZ ha detto:

    fammi vederesubitolemani !!!

    Mi piace

  8. trantoriano666 ha detto:

    “Oggi pomeriggio mi sono svegliato e non sapevo se era domani o l’altro ieri.”
    Oltre che a essere bella, questa frase sintetizza perfettamente le poche volte che dormo il pomeriggio.

    Mi piace

  9. Conte Gracula ha detto:

    Forse dovresti prendere le tue impronte digitali su un foglio, con un po’ di inchiostro (specifico perché qualcuno potrebbe obiettare, ovviamente, che non c’è bisogno di prendere le proprie impronte perché le si ha sempre sui polpastrelli!) così potresti sapere sempre se hai le tue mani o quelle, che so, della Nappi…

    Tanto più, che gli scambisti di mani hanno raramente l’astuzia necessaria per scambiare le mani lasciando al proprietario i polpastrelli.

    Mi piace

  10. colpoditacco ha detto:

    Ma era una mano morta?

    Mi piace

  11. Tati ha detto:

    … e io immagino una mano gigante “da Topolino” :D

    Mi piace

  12. shevathas ha detto:

    mai evocare Yog-Sothoth di venerdì sera; poi si diverte a fare questi scherzetti…

    Mi piace

  13. Presa Blu ha detto:

    Paura e stupore! 😱

    Mi piace

  14. gianni ha detto:

    Molto Edgarallampoiano! Ammesso che si possa oggettivamente aggettivare così.

    Mi piace

Fhtagn

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...