I bei tempi andati

Oggi, parlando con chi parlavo oggi è uscito un argomento di quando ero giovane e forte, aitante. Due anni fa. Scarsi.
Ricordo bene, come se fossero passati due anni scarsi, quei tempi. Avevo sedici anni all’epoca, e tutta una vita alle mie spalle da esplorare e vivere. Il passato era una continua incognita che andavo costruendo giorno dopo giorno. Sarei riuscito a scoprire la chiave di volta del passato, avrei avuto la meglio alla fine.
Ora, invece, a sedici anni, ho la consapevolezza di non essermi imepegnato abbastanza. Sono passati due anni, scarsi, e non ho ancora modificato il passato come volevo fare.
Lo faccio adesso.

I tempi che furono.

I tempi che furono.

Mi ricordo bene adesso. Avevo vinto quella motozappa battendo a braccio di ferro il campione mondiale di un brutto gioco di carte collezionabili, oppure era il sindaco del capoluogo di provincia piú vicino, e forse era la caccia ai coleotteri piú insidiosi d’Europa e Molise. Non importa. Avevo vinto, dicevo, e avevo fatto una scommessa con uno sconosciuto che avrei motozappato duecentomilioni di ettari in venti minuti. Poi mi resi conto che lo sconosciuto non esisteva, che non so ancora dire a quanti metri quadri corrispondano duecentomilioni/00 di ettari e che quindi dovevo costruirmi un passato migliore.
Cosa che poi alla fine, come dicevo prima, ho fatto.


E poi se uso la motozappa non posso chiedere a qualcuno di inginocchiarsi e di baciarmi le mani. Quello solo quando uso la zappa vera e propria.


Ne aprofitto per segnalare la partecipazione di Alidivelluto con un articolo spersonalizzante e spersonalizzato molto ben fatto al famigerato Quarto Ysingrinus d’autore!!

Annunci

About ysingrinus

Mi sono accorto che non avevo scritto niente qui e cosí ho deciso di scrivere qualcosa.
Questa voce è stata pubblicata in Concorso, Riflessioni e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

241 Responses to I bei tempi andati

  1. Anubi ha detto:

    Stima per la maglia :D

    Liked by 1 persona

  2. colpoditacco ha detto:

    oooooooooh finalmente, dopo la zappa è arrivata anche la motozappa…

    Mi piace

  3. dimitilla ha detto:

    Non avrai un gran passato con la motozappa ma con la scrittura puoi fare qualcosa
    👍👍👍

    Liked by 1 persona

  4. dmitri ha detto:

    Quando i bei tempi andati arriveranno, noi saremo qui forti e giovani come nei bei tempi andati.

    Liked by 1 persona

  5. Tati ha detto:

    Motozzappa come non ci fosse ieri!…

    Liked by 1 persona

  6. rachelgazometro ha detto:

    Il tuo passato sarà bellissimo e ricco di sorprese!
    P. S. Noto che questa volta sarà più difficile per me vincere, anche questo post di Aludivelluto è all’altezza del concorso.

    Mi piace

  7. Gintoki ha detto:

    Vincere una motozappa non è cosa di tutti i giorni e che tu modifichi o meno il passato resta il fatto che hai avuto una motozappa e questo ti rende degno di stima e invidia.

    Liked by 1 persona

    • ysingrinus ha detto:

      Non mi invidiare: sono certo che anche tu hai avuto la tua occasione e l’hai sicuramente sfruttata!!

      Liked by 1 persona

      • Gintoki ha detto:

        Ho avuto l’occasione solo di sfruttare una zappa e vorrei modificare il passato per trasformarla in motozappa.

        Liked by 1 persona

        • ysingrinus ha detto:

          Lo stai facendo. Raccontaci di quando hai dimostrato di saper usare la motozappa senza averne mai vista una prima. Dicci come l’hai sistemata meglio di quello che ve la voleva vendere e che alla fine ci ha pensato e ti ha regalato tutta la sua attività!

          Mi piace

          • Gintoki ha detto:

            In effetti ricordo questo episodio andando a ritroso negli archivi della mia memoria, in cui il fattore residente dietro casa mia, un fattore di cui non ricordo il nome e che chiameremo quindi fattore X, stanco della propria motozappa che si inceppava sempre mi vide e disse “ragazzo, la vuoi? È tua, io ne ho le tasche piene.” E infatti aveva le tasche piene di motozappe, ne prese un’altra e cominciò a usarla. E io provai pena per la motozappa da lui abbandonata e per dargli uno schiaffo morale gli dimostrai di saperla usare benissimo e lui, stupefatto, ritenendosi indegno del suo lavoro di gestore di campi coltivati, appese le zappe al chiodo e mi lasciò il campo libero.
            Che ricordi!

            Mi piace

  8. Gemellone solare ha detto:

    Cavoli, un tempo potevi vincere giusto una carta dell’avversario, vincendo a Magic!
    Ora le motozappe, addirittura… domani cosa? Un apparecchio terraformante? :)

    Mi spiace che hai un po’ di febbre (la febbra 2?) cerca di riguardarti, con la motozappa ci lavori un altro giorno ;)

    Mi piace

  9. Presa Blu ha detto:

    Ovviamente.
    Off topic, lo so, ma mi mancava.

    Liked by 1 persona

  10. Cose da V ha detto:

    Braccia rubate all’agric… Ah no! Bravo Yz!

    Mi piace

  11. Figata la maglietta di Magic l’Adunanza…. se qualcuno capisce la sottigliezza !

    Mi piace

  12. kalosf ha detto:

    Ma sai che se anche sono passati due anni sembri lo stesso? Allora il tempo si è fermato o i bei tempi sono tornati…

    Mi piace

  13. Sembri un messicano che saprebbe usare la motozappa per motozappare non solo il terreno. Solo la motozappa e la calvizie, a mio avviso, possono rendere cazzuto chi non lo era, e rendere dannatamente cazzuto chi lo era già.

    Mi piace

  14. alidivelluto ha detto:

    Fieramente partecipo e altrettanto fieramente mi complimento per il look! credo di avere ancora un black lotus da qualche parte e sicuramente tutti i capitoli di gears

    Mi piace

  15. lamelasbacata ha detto:

    Bello questo vigneto……..quale vitigno?
    Sei sicuro di poter guidare quella motozappa? Non sei un po’ giovane? Chiamo i gendarrmi??

    Mi piace

  16. ivano f ha detto:

    16 anni? Te ne avrei dati 17!

    Mi piace

  17. Dora Buonfino ha detto:

    Perché una manica su e una giù? Non c’è parità. Colpa della giovane età?

    Mi piace

  18. Paolo ha detto:

    In effetti si è soliti pensare, o almeno lo si fa fino a una certa età, a quello che si potrà o si può ancora realizzare e intraprendere, mentre l’unica cosa certa, tutta da interpretare, è la traccia, più o meno profonda, più o meno lineare, che con il nostro aratro abbiamo tracciato fin qui. Interessante e bella l’immagine di un passato tutto da modificare, ancora da modellare: il modo migliore di guardare avanti è guardarsi indietro. In fondo, il passato è quanto ci resta più o meno consapevolmente in mano. Tutto quello che vediamo e sul quale possiamo lavorare. Per migliorare. Forse mai abbastanza. “Avrei avuto la meglio alla fine”. Una promessa che, in questa prospettiva, assume più senso.

    Mi piace

    • ysingrinus ha detto:

      Assolutamente. Se poi lo si fa con una motozappa in mano questo discorso, il valore si aggiunge.

      Mi piace

      • Paolo ha detto:

        Nel terminare la piacevolissima lettura del celeberrimo romanzo (non è mai troppo tardi), proprio nelle ultimissime righe, trovo un che di preconizzatore. Frasi che mi riconducono qua, al filo dei tuoi pensieri. E chiudo così un cerchio (o un filo concentrico), che mi conferma ancora una volta che, sì, ogni cosa inizia là dove un’altra finisce. E non è dato sapere con esattezza chi preceda chi… Il fatto è, semplicemente, che è tutto collegato.
        “Gatsby credeva nella luce verde, il futuro orgiastico che anno per anno indietreggiava davanti a noi. C’è sfuggito allora, ma non importa: domani andremo più in fretta, allungheremo le braccia… e una bella mattina…
        Così continuiamo a remare, barche contro corrente, risospinti senza posa nel passato.”

        Mi piace

        • ysingrinus ha detto:

          Una condizione mentale che può rivelarsi la nostra condanna o la nostra salvezza. Il desiderio di non cedere, di continuare ad ostinarsi ma anche l’impossibilità di raggiungere ciò che veramente vogliamo.
          Probabilmente, visti dalla giusta distanza, i fili di cui parli tu, potrebbero avere una forma piú completa che a noi adesso sfugge: potremmo scoprire che qualcosa che riteniamo terminata e seguita da un’altra non è altri che una singola, e terza, cosa che noi non riusciamo a percepire.

          Mi piace

          • Paolo ha detto:

            Esatto. Piace anche a me pensare che esistano altre dimensioni, altre dinamiche. Passaggi, connessioni. Non includibili nella nostra quotidiana forma mentis. Tangibili, magari per pochi attimi, in illuminazioni, premonizioni, percezioni, rivelazioni. Forse solo casuali. Per quanto, posso certamente dire di riuscire a godere, almeno di tanto in tanto, di queste piacevoli sinapsi e piacevoli contaminazioni, che, seppur illusorie, hanno il sapore di momentanei stati di grazia e prese di coscienza. Che poi, si sa, tutto viene e va, nell’arco di pochi attimi. Cumuli trascinati nel vento.

            Mi piace

  19. avvocatolo ha detto:

    Ah infame maledetto… mi citi senza citarmi e continui a insinuarmi il tarlo sulla tua vera età! Questo sei… un infingardo motozappatore che vuole mot(t)o bene a mamma sua… VERGOGNAAAS

    Mi piace

  20. Firstime In Boston ha detto:

    é un lavoro che a occhio sembra abbastanza semplice.. in realtà quell’affare pesa, vibra, va dove vuole lui, raccoglie qualsiasi tipo di microoggetto che può incepparne gli ingranaggi e dopo 8-9 secondi che é acceso comincia a diventare particolarmente fastidioso ad udito ed olfatto.. (mmm, profumo di miscela)

    Mi piace

  21. Io sarei più interessata alla vigna :-)

    Mi piace

  22. Zeus ha detto:

    Magic is in the air. Direi che arare è un buon modo per passare il tempo (giustamente si chiama tempo passato, perciò passare il tempo con la motozappa è qualcosa che, intrinsecamente, porta a forgiare un passato di tempo).
    Io direi solo…
    Anfibius (giusto perché lavori la terra)

    Mi piace

  23. tiZ ha detto:

    due anni fa ad una coscia !!!

    Mi piace

  24. Mastro Birraio ha detto:

    Riesci a fare tendenza nel vestire anche su una motozappa, dalla prossima primavera porteremo tutti una maglia con una manica su e l’altra giù. Porteremo la maglie alla Ysi. è già cool adesso!

    Mi piace

  25. alessialia ha detto:

    E quanti post mi son persa….!
    Addirittura con la motozappa! Addirittura una manica si una no…. Addirittura che fai previsioni sul passato! Ecco… Io ora vogli9 usare la motozappa pero!
    Certo che due anni per tE mica passano, sempre a 16 anno hai!
    Il racconto di ali ê formidabile! Mi spiace proprio non partecipare stavolta ma proprio non son capace mi sa!

    Mi piace

  26. Incagliatoh ha detto:

    Chissà tra dieci anni, come saranno i tuoi sedici anni, spero meglio di questi sedici, anche se già rimpiangi i sedici passati, ma l’uomo si sa, non è mai contento

    Mi piace

Fhtagn

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...