Agitando e sovvertendo

Ho scoperto, col tempo, di essere diventato un agitatore sociale ed un sovvertitore dell’ordine naturale.
Come ogni grande scoperta che si rispetti, ho scoperto la grande scoperta che si rispetti per caso1. Passeggiando con la mia cana2 ho notato l’enorme quantità di feci canine, ma anche feline, abbandonate nei posti piú disparati, mentre io, munito di sacchetto idoneo, raccolgo le deiezioni solide che mi competono.
Confrontando i miei gesti con le azioni del resto della popolazione mi sono reso conto di essere diventato un nemico e della società e della Natura istessa! Il mio comportamento è inqualificabile e quando verrà il giorno del redde rationem pagherò il fio delle mie malefatte.

Ciò che per alcuni è considerato un rifiuto maleodorante per la maggior parte degli esseri viventi è considerato vita. Batteri ed insetti proliferano negli escrementi che diventano la base della catena alimentare, come fonte di sostentamento per piccoli animali che mangiano insetti e simili che vi trovano sostanze nutrienti, come nutriente della terra stessa e, in ultima analisi, come rimedio naturale per alcuni animali per i disturbi digestivi.
Rendere inaccessibili le feci canine a lungo andare può condurre a risultati inaspettati e disastrosi, forse risultati che noi non potremo mai vedere, ma i nipoti dei nostri nipoti forse qualcosa potranno avvertire: raccogliendo la cacca dei cani contribuiamo a distruggere il mondo.
E questo è perché dico che sono diventato un sovvertitore dell’ordine naturale, ma gli effetti delle mie azioni si possono vedere molto piú rapidamente su scala sociale e sono quelli che, nell’immediato mi disturbano di piú.

La pulizia delle strade spetta come dovere civico ad ogni membro della comunità, ma l’aspetto professionale riguarda solo gli operai comunali o della ditta appaltatrice, questa è una premessa3 doverosa per poter proseguire nel discorso.
Se io faccio il lavoro che deve fare l’addetto alla pulizia delle strade, di fatto tolgo il lavoro al suddetto e conseguentemente l’azienda che l’ha assunto potrà decidere di praticare dei tagli del personale o dei salari, visto la ridotta mole di lavoro. Inevitabile l’effetto domino di una tale evenienza: operai licenziati che manifestano per bloccare altri servizi; operai che non possono permettersi prima i cosidetti beni di lusso e successivamente, bloccando il normale svolgersi delle attività, neanche quelli primari per l’inevitabile aumento di prezzi dovuto alla difficoltà di produrre qualsiasi cosa per colpa delle continue manifestazioni.
Nel caso che, con sguardo lungimirante, l’azienda decidesse di non tagliare il personale, si verificherebbe un fenomeno ancora piú strano e dirompente: gli operai verrebbero pagati alla stessa maniera, anche senza lavorare, rendendoli di fatto dei privilegiati. Ma questo privilegio sarebbe sotto gli occhi di tutti, perché la popolazione potrebbe in qualsiasi momento vedere gli operai girare per le strade senza lavorare come lavoravano prima, perché i cittadini che raccolgono gli escrementi da terra sanno che non ci sono i rifiuti che raccolgono loro e si possono facilmente accorgere degli altri che come loro si dedicano alla raccolta. La disparità dei trattamenti porterebbe a vere e proprie rivolte di massa, abbandono delle altre professioni in favore dell’operatore ecologico perché piú tutelato e in capo a pochi mesi collasserebbe tutto il sistema mondiale.
Tutto questo solo perché io raccolgo i rifiuti di Bionda4.
Forse dovrei smettere.


  1. In realtà il caso non è piú responsabile dello studio dei Massimi Sistemi che quotidianamente faccio ma, nelle leggende delle grandi scoperte, che sono l’unica cosa che riescono ad apprendere gli studenti scolastici, è sempre il caso che agisce di fronte al genio in grado di decifrare l’evento casuale5
  2. Bionda. 
  3. Ogni premessa è promessa! 
  4. Che tra l’altro è da sempre molto riservata e non lascia niente davanti a porte e portoni, gradini e marciapiedi. Cerca sempre angoli ben riparati e poco frequentati o in alternativa aiuole6 non calpestabili dalle persone. 
  5. Vedi la mela di Isaac Newton. 
  6. Voglio far notare la presenza di tutte le vocali in una sola parola. 
Annunci

About ysingrinus

Mi sono accorto che non avevo scritto niente qui e cosí ho deciso di scrivere qualcosa.
Questa voce è stata pubblicata in Attualità e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

110 Responses to Agitando e sovvertendo

  1. kalosf ha detto:

    va bene. Prima o poi dovrai darmela la ricetta di questa cosa che ti fumi… Perchè deve essere fantastica (ferma restando la verità profonda del tuo scritto che chiama a prendere responsabilità delle estreme conseguenze che può avere un’osservanza pedissequa -e nota, non c’è la c- delle norme sociali.

    Mi piace

  2. Mastro Birraio ha detto:

    Lo sai che se vuoi che la tua umile faraonica luminosità illumini queste strade devi comprendere le meccaniche della mediocre civiltà umanoide. Non puoi fare il marrano sovverviso che poi pensano male!

    Mi piace

  3. Dora Buonfino ha detto:

    A me piace sovvertire l’ordine naturale agitando la società.

    Mi piace

  4. Incagliatoh ha detto:

    Forse sarebbe bene che scendessimo in campo tutti per il bene dell’umanità e per la tanto ambita pace nel mondo.
    Fantastica visione prospettica :))

    Mi piace

  5. tommasopapais ha detto:

    Corro subito a svuotare il posacenere in strada per ripristinare l’ordine mondiale che tu hai pericolosamente fatto traballare!

    Mi piace

  6. gigifaggella ha detto:

    Ma non è che ti sei lasciato coinvolgere dal tipici preferito di Avvo? :) Ma se la fa sull’erba dei giardini che resti pure lì ad alimentare la natura….sulle strade è discorso diverso…gli slalom dei passanti sono uno spettacolo triste… ;)

    Mi piace

  7. Tati ha detto:

    … ancora una volta… mi incastro tra le note…
    .. adoro la casualità del mondo e l’impegno e l’attenzione che bisogna metterci per vedere le cose… ( sperando che qualcuno prima o poi raccolga quel “caso”)
    ….
    A-I-U-O-L-E…AAAAAAAHHHH! …. STUMP!
    :D

    Mi piace

  8. Zeus ha detto:

    Il vero male della società: raccogliere feci canine.
    Una cosa incredibile… si distrugge l’ecosistema intero… anche quando queste, in maniera del tutto fortuita, finiscono sul cemento. E dal cemento sulla tua scarpa. E dalla scarpa sul pavimento di casa tua. E dal pavimento di casa nascono i diamanti? No. Solo merda.
    E porchi per chi deve pulire.

    Mi piace

  9. colpoditacco ha detto:

    Magari potresti portarla in un campo, tipo come fa mio padre con la nostra cana, e così non dovresti raccogliere nulla, lì è solo un utile concime per la natura…

    Mi piace

  10. E’ dagli anni 60 che per aiutare l’occupazione dei disoccupati e l’attività degli occupati faccio i miei bisogni esclusivamente nei luoghi pubblici. Può sembrare poco ma lo faccio con impegno e costanza!

    Mi piace

  11. Gintoki ha detto:

    È un po’ come dire che il battito d’ali della farfalla in texas crea un uragano a pechino o viceversa: sei quello che abbatte la prima tessera del domino dando inizio a una reazione a catena.

    Mi piace

  12. ivano f ha detto:

    Non ti facevo così pericoloso, sembravi una persona a modo… Dovrò valutare se sia il caso di continuare a frequentare questo posto, rischio di essere tirato in mezzo senza colpa alcuna, non sarebbe una bella cosa, proprio no.

    Mi piace

  13. tiols ha detto:

    Tu sei un grande! Questo discorso concentrico sui rifiuti mi ha fatto tornare in mente l’estinzione dei dinosauri…mmm…
    Detto questo, forse te l’avevo già detto, ma rispetto te (perché raccogli le defezioni della tua cana) e Bionda (perché è rispettosa, proprio come il padrone). Dunque il fatto di non volerle raccogliere a te lo concedo, più che altro perché non cammino dentro le aiuoleieaioiaueuioi.

    Mi piace

  14. Barbara Cosma ha detto:

    Allora io sono due volte sovversiva… ho sia Cicika che Pisellino!!! Ahia…. Ps: i tuoi post mi fanno letteralmente morire dal ridere!!!

    Buonanotte ysi ;-)

    Mi piace

  15. flampur ha detto:

    Ti dono una massima: dove c’è una cacca di cane c’è un padrone di merda.
    Però potresti iniziare a lasciare sul posto le deiezioni liquide, intese come cacche diarreose, sfuggenti anche ai sacchetti più imperterriti..

    Mi piace

Fhtagn

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...