Fatica a vedersi

Mi guardo e non mi riconosco. L’immagine che lo specchio mi restiutisce è la mia ma non è la mia. Non mi vedo pur vedendomi. Quella pelle non può essere mia, quella carne non mi appartiene. Eppure se muovo le mani a toccare il volto irriconoscibile, il senso del movimento ed il tatto confermano ciò che vedono gli occhi anche se è impossibile. Vedo bene il mento ed il collo, buona parte delle guance e soprattutto le labbra. Io non ho le labbra. Non ricordo di averle avute, forse sí, ma oramai è passato cosí tanto tempo che non posso piú esserne sicuro. Eppure ci sono, le vedo e le tocco. Cos’è quella? Una ruga d’espressione? Impossibile. Eppure eccola là, che dall’angolo della bocca sale verso la narice. Se tiro gli angoli della bocca riesco a vedere bene i denti, tutti quelli frontali. Apro il rubinetto e porto un po’ d’acqua al viso, è freddissima, non la ricordavo cosí fredda. Mi asciugo. Senza problemi. Subito. Questi baffetti corti e sottili si asciugano subito. Vedo i peli nel lavandino. Erano sulla mia faccia. Hanno un aspetto cosí strano staccati da me. Un ammasso informe. Un boschetto ispido che mi riparava e proteggeva, che coprendomi mi rivelava.

Annunci

About ysingrinus

Mi sono accorto che non avevo scritto niente qui e cosí ho deciso di scrivere qualcosa.
Questa voce è stata pubblicata in Attualità, Riflessioni e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

80 Responses to Fatica a vedersi

  1. Silvia ha detto:

    Vogliamo una foto ora però….quando si cambia qualcosa è sempre così, ma vedrai che ti rivedrai presto e meglio di prima :)

    Mi piace

  2. momix ha detto:

    per togliermi la protezione a me toccherebbe togliere gli occhiali, niente barba (ancora), solo che poi davvero, chi si vedrebbe più? :D

    Mi piace

  3. Sono proprio questi i pensieri che ognuno di noi fa, ma pochi ne riconoscono il valore e hanno il coraggio e la virtù di tradurli in parole. Sto scoprendo un mondo di persone che mi assomigliano.
    Con grande ammirazione,
    A.

    Liked by 1 persona

  4. dmitri ha detto:

    È lei ad aver tagliato te,
    tu sei il suo umano, non lei la tua barba.

    Mi piace

  5. kalosf ha detto:

    …ecco che cominciano a crollare le certezze…;-)

    Mi piace

  6. margraces ha detto:

    Sento addosso un enorme vuoto e un senso di perdita y. Anche se era tua, era anche un po’ mia, giacché, per motivi embriologici, non ne sono munita, la tua barba era un prolungamento onirico della mia. :(
    Comunque sia: ricordati il burrocacao. Per le tue nuove labbra.
    E metti una cremina sul mento. E magari impara a sferruzzare, crea un copri-mento di lana, magari verde, con dei graziosi pois. Blu. O rossi.
    Sono molto preoccupata per il tuo mento.
    Ti sono vicina.

    Mi piace

    • ysingrinus ha detto:

      Non l’ho tolta del tutto per fortuna, e ancora piú per fortuna ricrescerà! Continuare a sognarla non potrà che rendere piú facili le cose!
      Non ho mai usato il burrocacao non saprei neanche come usarlo!
      Forse imparerò a sferruzzare per coprire il mento. Il mento è molto importante. Grazie!

      Liked by 1 persona

  7. Toh, vengo da un week end baffuto, emozioni che vivo in prima persona!

    Mi piace

  8. Affy ha detto:

    “… questi baffetti corti e sottili” … anche qui è mutato qualcosa perdindirindina! :-(

    Mi piace

  9. colpoditacco ha detto:

    foto foto foto foto foto foto foto…. ahahahah

    Mi piace

Fhtagn

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...